News
giovedì 5 giugno 2014 L’assessore regionale Salvatore Calleri: “Il Parco dell’Etna non sarà più solo, avrà il nostro pieno sostegno per risolvere il problema dei rifiuti”

“Da oggi non lasceremo più solo il Parco dell’Etna ad affrontare la problematica dei rifiuti nell’area protetta, lo sosterremo con molta attenzione. Non ci si può non occupare, da un punto di vista storico, sociale e politico di un territorio straordinario come quello dell’Etna. Sono venuto ad ascoltare voci diverse e a raccogliere le informazioni che sono emerse da una mattinata di lavori interessante, all’insegna del dialogo civile e a sostenere l’importanza del Parco dell’Etna e il suo impegno nell’organizzare questo confronto sulla questione rifiuti. Il passaggio successivo sarà quello di agire nella maniera più adeguata per dare soluzione al problema”. Lo ha detto Salvatore Calleri, assessore regionale all’energia, rifiuti e servizi di pubblica utilità, al termine dell’incontro organizzato dal Parco nella sede di Nicolosi sul problema rifiuti nella Giornata mondiale dell’ambiente. “Bisogna rafforzare il controllo attraverso le multe, dobbiamo fare provare vergogna agli autori di comportamenti incivili”, ha sottolineato Calleri. Ha aperto i lavori la presidente del Parco dell’Etna Marisa Mazzaglia: “La presenza di rifiuti e di siti di discarica incontrollata sembra diventata una malattia cronica per l’Etna e per il Parco, che non può assistere inerte a questa situazione, che danneggia gravemente il nostro territorio e altrettanto gravemente nuoce alla sua immagine nel mondo. Il tema è diventato più urgente con l’inserimento dell’Etna nel Patrimonio Unesco. Serve dunque una strategia di bonifica immediata con nuove e più forti energie e occorrono più forti azioni di vigilanza e di controllo, con una collaborazione interforze. Ai Comuni del Parco, con le loro specifiche competenze, chiediamo di farsi carico di una più intensa presenza nell’area protetta”. Presente il direttore dell’Ente Parco Pietro Coniglio. Nel successivo dibattito, sono emerse varie proposte per affrontare e risolvere il problema dei rifiuti nell’area protetta. Tra le più significative, a breve e media scadenza, l’attivazione immediata di un numero verde unico sul territorio per le segnalazioni relative a siti di discarica; l’istituzione con legge regionale del corpo di guardie volontarie ecologiche, da affiancare al Corpo Forestale per la vigilanza e il controllo del Parco (ne ha parlato Sergio Mangiameli, presidente dell’associazione Piuma Bianca); l’installazione di telecamere per la videosorveglianza. Il presidente di Confambiente Gaetano Monastra ha suggerito la rapida individuazione di alcune aree particolarmente degradate per l’intervento di bonifica da parte delle aziende associate (circa un centinaio), che si occupano di smaltimento dei rifiuti. In rappresentanza della Provincia Regionale, è intervenuto il funzionario Francesco Lo Vetere, che ha fatto il punto sulla situazione delle discariche nel Catanese e ha sottolineato la necessità di una forte azione globale di tutte le istituzioni del territorio, di una riorganizzazione della gestione dei rifiuti, di una maggiore informazione per i cittadini e di un più incisivo controllo del territorio. Presenti numerosi comuni del Parco. Plaudendo all’iniziativa e alle proposte avanzate e chiedendo all’assessore Calleri, in un momento di grande difficoltà economica, più strumenti e risorse da parte della Regione per fronteggiare il prioritario problema dei rifiuti, sono intervenuti Concetto Stagnitti, vicesindaco di Castiglione di Sicilia e componente del comitato esecutivo del Parco (“le immagini di rifiuti nel Parco che girano sul web fanno solo male a tutti noi”, ha sottolineato); Giuseppe Messina, sindaco di Milo; Roberto Di Bella, neo vicesindaco di Ragalna; Santi Borzì, assessore di Belpasso. Presenti anche il sindaco di Santa Maria di Licodia e vicepresidente del Parco Salvatore Mastroianni; il sindaco di Nicolosi Nino Borzì, il vicesindaco di Trecastagni Salvo Torrisi, esponenti del comune di Sant’Alfio e del Corpo Forestale; il commissario capo della Polizia provinciale Achille Tersicore. Sull’efficacia del numero verde sono intervenuti il presidente dell’agenzia “A Tratti” Antonio Zingale e il commissario liquidatore della Ionia Ambiente Antonello Caruso. La dottoressa Mannino, in rappresentanza dell’Azienda Regionale Foreste Demaniali di Catania, ha assicurato la massima disponibilità dell’Azienda per tutte le iniziative di lotta ai rifiuti nel Parco. Hanno offerto la piena disponibilità a tutte le iniziative per liberare il Parco dai rifiuti, facendo rete con le istituzioni con impegno ancora maggiore, i rappresentanti delle altre associazioni presenti: Giambattista Condorelli, consigliere nazionale del Club Alpino Italiano (era presente anche il presidente regionale Oliveri); Marco Prestipino, segretario di “Etna e dintorni”; Enrico Cavalli, di “Extreme Bike Nicolosi”. Di come una corretta gestione dei rifiuti possa trasformarsi in una risorsa per le amministrazioni locali ha infine parlato Manuela Leone, dell’associazione “Rifiuti Zero”.

News
grafica
Etna e UNESCO
Nicolosi, 21 giugno 2013
L'UNESCO ha iscritto l'Etna nella World Heritage List: l'Etna è un sito naturale del Patrimonio dell'Umanità. Leggi tutto
menu
dormire
mangiare
Amministrazione trasparente