News
lunedì 14 aprile 2014 Grande pubblico al Parco dell’Etna per la conferenza dell’oncologo Franco Berrino

“La dieta mediterranea è quella tradizionale: cereali integrali, pasta di grano duro, legumi, verdure non amidacee, olio di oliva, pesce, frutta, semi oleaginosi. Seguire nella nostra alimentazione queste indicazioni è fondamentale per proteggerci dal cancro: chi lo fa correttamente, corre il 40 per cento del rischio di ammalarsi rispetto a chi non lo fa”. Sono parole di Franco Berrino, oncologo di fama internazionale, pronunciate nel corso della brillante conferenza svolta sul tema “Dieta mediterranea e tumore al seno” nella sede del Parco dell’Etna, l’ex Monastero Benedettino di San Nicolò La Rena a Nicolosi, gremita da un foltissimo pubblico interessato alla tematica dell’incontro. La conferenza dell’illustre oncologo, tornato nella sede del Parco dell’Etna dopo il successo del precedente incontro sull’alimentazione dello scorso mese di novembre, è stata introdotta dai saluti della presidente del Parco dell’Etna Marisa Mazzaglia, che ha sottolineato la particolare vocazione del territorio per l’agricoltura e l’impegno dell’Ente nel sostenere tutte le iniziative significative nel settore specifico, tra le quali hanno certamente un valore particolare quelle rivolte al grande pubblico per una sana e corretta alimentazione. Sono intervenuti anche il dirigente agronomo del Parco Rosa Spampinato, che ha ribadito l’attenzione del Parco per le coltivazioni biologiche e il produttore Quintilio Menicocci, che sta conducendo nella sua azienda etnea una interessante esperienza di permacultura e orto sinergico. Presente il Consorzio di tutela dell’arancia rossa di Sicilia IGP, che ha offerto al pubblico un assaggio delle sue spremute. Il dottore Berrino, promotore e responsabile del "Progetto Diana" per la prevenzione alimentare del tumore al seno, coordinatore del progetto Eurocare sulla sopravvivenza dei malati di tumore in Europa, già direttore del Dipartimento di medicina preventiva e predittiva dell'Istituto Nazionale dei Tumori, ha ricordato che la mortalità per il tumore al seno è fortemente diminuita dopo gli anni ’90, sottolineando l’importanza della chemioterapia adiuvante. E ha indicato una serie di suggerimenti per la prevenzione sostenibile del tumore alla mammella : “Evitare radiazioni inutili in età infantile; allattare i figli; praticare costantemente attività fisica; rispettare i ritmi circadiani nelle 24 ore, in particolare il ritmo veglia-sonno; non aumentare di peso, soprattutto in età adulta; moderare il consumo di alcol; prevenire la sindrome metabolica, tenendo sotto controllo glicemia, pressione, trigliceridi, colesterolo, insulina; evitare i progestinici sintetici in menopausa”. Berrino, che ha risposto alle numerose domande rivoltegli da un pubblico attentissimo, ha anche ricordato le istruzioni nutrizionali per prevenire il cancro e le sue recidive inserite nel report 2007 del WCRF (Fondo mondiale per la ricerca sul cancro): “Mantenersi snelli per tutta la vita; effettuare esercizio fisico giornalmente; non consumare cibi ad alta densità calorica e bevande zuccherate; limitare nell’alimentazione le carni rosse e quelle conservate; evitare e bevande alcoliche e quelle zuccherate; limitare il consumo di sale e cibi conservati; assumere i nutrienti necessari di cibi, non di integratori”. Queste indicazioni saranno contenute nel Codice europeo per la prevenzione del cancro, che diventerà operativo in tempi brevi.

News
grafica
Etna e UNESCO
Nicolosi, 21 giugno 2013
L'UNESCO ha iscritto l'Etna nella World Heritage List: l'Etna è un sito naturale del Patrimonio dell'Umanità. Leggi tutto
menu
dormire
mangiare
Amministrazione trasparente