News
venerdì 6 dicembre 2013 Ragazzi dell’Istituto Penale per Minorenni di Acireale in visita nella sede dell’Ente

Un gruppo di ragazzi dell'Istituto Penale per Minorenni (IPM) di Acireale, accompagnati dagli educatori, ha visitato la sede del Parco dell'Etna a Nicolosi, dove è stata accolta dai dirigenti Francesco Pennisi e Salvo Caffo, che hanno illustrato agli ospiti le attività dell'ente, la storia del prestigioso sito, l’ex Monastero Benedettino di San Nicolò La Rena, e le peculiarità del vulcano, tra scienza e mito. I giovani ospiti, nel corso della giornata, hanno in particolare visitato la Banca del Germoplasma del Parco, che raccoglie numerose specie di interesse naturalistico e agrario del comprensorio etneo (vigneto, frutteto, ginestreto, piante di interesse forestale, piante aromatiche e officinali) e l’area museale vulcanologica all’interno della sede, dove hanno potuto conoscere fasi e strumentazioni di monitoraggio dell'attività dell'Etna, mostrando notevole interesse per l’argomento. La visita ha avuto caratteristiche premiali per i giovani dell'Istituto ed è scaturita dall’incontro tra la presidente del Parco Marisa Mazzaglia e la direttrice dell'IPM di Acireale Carmela Leo, sensibilizzate dall'ex Garante dei diritti dei detenuti Salvo Fleres. “Abbiamo offerto all’Istituto di Acireale la nostra più ampia disponibilità a sostenere un percorso di rieducazione e reintegrazione di questi ragazzi nell’ambito di alcune attività del Parco”, spiega la presidente Mazzaglia. L'interesse manifestato dai giovani dell’IPM per le attività che si svolgono nel Parco, soprattutto in materia di tutela del patrimonio naturalistico agricolo e forestale, ha permesso di valutare la possibilità dell'avvio di ulteriori iniziative che vedano impegnati periodicamente, presso la sede dell'Ente, gli ospiti dell'Istituto acese.

News
grafica
Etna e UNESCO
Nicolosi, 21 giugno 2013
L'UNESCO ha iscritto l'Etna nella World Heritage List: l'Etna è un sito naturale del Patrimonio dell'Umanità. Leggi tutto
menu
dormire
mangiare
Amministrazione trasparente