News
venerdì 4 ottobre 2013 Meglio Parco che sporco. Il quadro completo delle associazioni ambientalistiche, di volontariato e i Comuni che parteciperanno.

Sono più di trenta le associazioni ambientalistiche e di volontariato del territorio del Parco dell’Etna che insieme a gran parte dei Comuni, parteciperanno con impegno diretto sul campo alla grande manifestazione, dal titolo “Meglio Parco, che sporco”, organizzata e coordinata dal Parco dell’Etna, che sabato 5 ottobre prossimo si propone di bonificare e ripulire dai rifiuti numerose aree degradate dell’area protetta. Contribuiranno all’iniziativa anche la Provincia Regionale di Catania, con un intervento di pulizia delle strade, il Corpo Forestale e l’Azienda Regionale Foreste Demaniali. Sul campo anche i componenti del Comitato Esecutivo del Parco e i dipendenti dell’Ente, da volontari e con mezzi propri. E’ dunque pronta la macchina organizzativa di un evento di forte valore simbolico, da tempo pensato dal Parco e che ha trovato adesione e sostegno concreto da parte di tutto il territorio. Ne prende atto con soddisfazione la presidente Marisa Mazzaglia: “Abbiamo raccolto negli ultimi giorni ulteriori, convinte adesioni all’iniziativa Meglio Parco che sporco. Ci sono tutti i presupposti per dare all’esterno un segnale forte e visibile, in termini di sensibilizzazione e di intervento concreto sul campo. La risposta delle associazioni e dei comuni, che abbiamo voluto con noi in questa giornata di impegno diretto per la pulizia dell’area protetta e per la bonifica dei siti di discarica incontrollata, è stata forte ed entusiasta. Ci aspettiamo sabato numeri di partecipazione significativi”. Le associazioni hanno indicato i siti per gli interventi, che sono stati pianificati nei dettagli anche per quanto riguarda la presenza e collaborazione dei Comuni, che metteranno a disposizione quanto potrà essere utile per la pulizia. Ecco il quadro completo degli interventi previsti alla vigilia dall’evento: l’associazione Orione e il WWF (Sicilia, Catania e Jonico-Etneo) ripuliranno l’area da Pietracannone a Monte Fontane, concentrandosi alle 8,30 nella piazza di Fornazzo di Milo; l’Aigae (Associazione Guide Ambientali ed escursionistiche) e l’Associazione NET, Natura e turismo si occuperanno dell’area dei Rifugio Citelli e dei Monti Sartorius, con raduno al Citelli, sempre alle 8,30. Sostegno tecnico da parte dei comuni di Milo e Sant’Alfio; l’associazione Etna e dintorni ripulirà l’area di Piano del Vescovo e Cassone, con raduno sul posto; gli Amici della Terra interverranno a Piano dell’Acqua, con ritrovo nel sito da bonificare. Il supporto sarà del comune di Zafferana Etnea; il comune di Ragalna sosterrà invece l’iniziativa per ripulire la zona di Milia, che sarà effettuata dall’associazione Aria Nuova con raduno alle 8,30 in piazza Rocca a Ragalna; i volontari del Soccorso Alpino CNSAS del Cai e il Cai di Pedara ripuliranno dai rifiuti i rifugi della Pista Altomontana, con raduno alle 8,30 al cancello della Milia; l’associazione Etna Walk e la Extreme Bike si occuperanno di ripulire dai rifiuti la zona di Contrada Rinazzi, sopra Nicolosi; sull’area di via Mazzei e dintorni, interverranno i volontari di Piuma Bianca. Il raduno per iniziare le attività è previsto alle 8,30 di sabato 5 ottobre nella piazza di Nicolosi. L’Aeop (Associazione Europea Operatori di Polizia) interverrà sulla zona particolarmente degradata di via Cannizzaro, alle spalle dell’isola ecologica tra Nicolosi e Belpasso. Gli scout del paese ripuliranno la zona dei “Tre Altarelli”, mentre il Consiglio comunale di Nicolosi interverrà per ripulire l’area del Rifugio Sapienza; entrambi questi gruppi si ritroveranno alle 8,30 nella pineta dei Monti Rossi. Collaboreranno anche il Gruppo comunale di Protezione Civile, i Rangers Europa, l’Associazione nazionale Carabinieri in congedo, Amici del Teatro, Fratres e Misericordia, tutte di Nicolosi. Pieno sostegno operativo con mezzi e attrezzature verrà fornito dal comune di Nicolosi; il gruppo di volontari di Federescursionismo, Comitato Parchi, Pro Natura e Etnasci ripuliranno nella zona di Salto del Cane il Viale della Regione; sempre in zona Tardaria, il gruppo dell’associazione “Handir” e dell’associazione “Arte al Cubo Eventi” di Giarre ripulirà la via Monte Po’. Raduno per i due gruppi al ristorante “1809”, il sostegno sarà del comune di Pedara; ed ancora il Cai di Linguaglossa e il Collegio dei Maestri di Sci, con il supporto del comune di Linguaglossa, interverranno a Piano Pernicana e Piano Provenzana (raduno alle 8,30 a Piano Pernicana); i soci volontari del Cai di Catania, con il supporto del Comune, ripuliranno la zona di Piano Mirio e dintorni e di Piano Falanga, a Biancavilla, con raduno al bivio Efesto alle 8,30; il comune di Trecastagni, insieme all’associazione Etnaviva, si occuperà di ripulire la zona di Grotta Comune, con la diretta partecipazione del consiglio comunale, di alcune scuole e degli scout; raduno alle 8,30 al piazzale del ristorante “Caterina”; l’associazione Green City, in collaborazione con il comune di Adrano, ripulirà la zona di Contrada Santuzza, con raduno alle 8,30 sul luogo; il comune di Castiglione di Sicilia coordinerà le associazioni Rangers International e Aeop nell’intervento di bonifica in Contrada Rovittello; raduno alle 8,30 al bivio della strada “Quota Mille”; Archeoclub e Comune di Belpasso effettueranno la pulizia della zona di contrada Cisterna Regina; domenica 6 ottobre, sempre nell’ambito di “Meglio Parco che sporco”, il Cai e la Pro Loco di Belpasso ripuliranno l’area di Piano Bottara. Infine il sindaco di Maletto Salvatore Barbagiovanni ha annunciato la partecipazione del suo Comune – uno dei meno colpiti dal fenomeno delle micro discariche nel territorio del Parco - con una iniziativa di educazione ambientale per le scuole che coinvolgerà 50 alunni dell’Istituto Comprensivo “Galileo Galilei”.

News
grafica
Etna e UNESCO
Nicolosi, 21 giugno 2013
L'UNESCO ha iscritto l'Etna nella World Heritage List: l'Etna è un sito naturale del Patrimonio dell'Umanità. Leggi tutto
menu
dormire
mangiare
Amministrazione trasparente